lunedì 11 luglio 2016

PRIVATE RESORT (1985) George Bowers


Tempo d'estate, tempo per una bella rassegna di film balneari, così tanto per gradire. Dunque, cominciamo con il film che Johnny Depp e Rob Morrow vorrebbero mettere al rogo manco fosse "Ultimo Tango..." ovvero "Posizioni Promettenti" che è già materiale di culto (più o meno) a partire dal suo sceneggiatore, Gordon Mitchell. Gordon Mitchell nel senso di Gordon Mitchell, colui che attraversò mezzo cinema italiano facendo tutto e il contrario di tutto.



Ora, sembra una cazzata o un errore nell'attribuzione dei crediti, non ho mai approfondito se sia stato davvero lui l'autore, ma riguardando questo capolavoro del cinema cazzaro anni ottanta, non si può e non posso notare la sua sospetta somiglianza con la commedia ginecologica dei bei tempi andati. Cioè, sembra che il vecchio Gordon abbia fotocopiato a caso una delle sceneggiature del periodo (scegliete a vostro piacimento tra "La Liceale al mare con l'amica di papà" o "La Dottoressa preferisce i marinai") vendendola a scatola chiusa al produttore R. Ben Efraim, specializzato nell'infilare il titolo "Private" nei suoi film di cassetta.



Sostituite Gianni Ciardo e Alvaro nostro con Depp e Morrow, e avrete il panorama. Si comincia subito con una carrellata sui culi delle bellezze al bagno procedendo poi con la presentazione dei personaggi principali, Ben (Morrow) e Jack (Depp), due poveracci infoiati manco fossero stati al fronte che cercano in tutti modi di trovare un pò di carnassa disponibile. Sono talmente arrapati che scambiano un sorriso per un invito a scopare, per cui si presentano direttamente nella camera che Leslie Easterbrook (la mitica Callahan di "Scuola di Polizia" ancora lontana dalla family di Rob Zombie) divide con un cialtronissimo Hector Helizondo, un ladro di gioielli soprannominato The Maestro, presentandosi (la Easterbrook) con un negligee trasparente da lasciare basiti che di fatto rimane il punto più alto di tutta la pellicola. 



Quello che interessa di più al vecchio George Bowers del Bronx (carriera sterminata al montaggio, dalla super serie B fino alla serie A conclamata, scomparso nel 2012) è mostrare le attrici nude e seminude, non gliene frega un cazzo dei tempi comici o delle battute fulminanti (i momenti più spassosi sono forse quelli in cui Andrew Clay, qui senza il 'Dice', fa Andrew Clay) per cui lascia al collaboratore Adam Greenberg l'onere di fotografare culi e tette risparmiando poco o nulla all'immaginazione dello spettatore, almeno nei limiti di una produzione "per tutti" (il film fu distribuito dalla TriStar Pictures). Quindi, "Private Resort" sembra più un paginone di Penthouse in movimento che un film comico, il che potrebbe suonare come un insulto, ma a conti fatti, non lo è. Almeno su queste inutili pagine elettroniche. Astenersi amanti della commedia "intelligente" e avanti tutti quelli che amano abbandonarsi ad una marea di cazzate e alla forme, quelle veramente ottundenti, delle magnifiche Karyn O'Bryen, Emily Longstreth, Karen Shapiro, Susan Mechsner, Vicky Benson e della mitica Lisa London di "H.O.T.S". Con buona pace dei protagonisti maschili (c'è pure un irriconoscibile Michael Bowen) che sembrano tutti un pò dei cazzoni. Bluray qui. Interpreti: Johnny Depp, Rob Morrow, Hector Helizondo, Leslie Easterbrook, Dody Goodman, Emily Longstreth, Karyn O'Brien, Karen Shapiro, Andrew Clay, Lisa London, Tony Azito, Susan Mechsner.





2 commenti:

Nick Parisi. ha detto...

Lo trasmise molti anni fa Italia1 in versione supercensurata. Se non ricordo male, l'unica "carnassa" che fu possibile scorgere per due secondi fu quella della Easterbrook quando nasconde Deep sotto le lenzuola.
Certo che Deep e Morrow sono davvero irriconoscibili rispetto a quello che sono diventati oggi....

Belushi ha detto...

L'ho rivisto in Bluray e non me lo ricordavo per un cazzo 'sto "Private Resort". Erano giovanissimi, Morrow all'esordio, Depp subito dopo "Nightmare", mi pare che fecero un patto, giurando di rintracciare tutte le copie esistenti e distruggerle, ahahahah. Se vergognano proprio.

Posta un commento