mercoledì 11 maggio 2016

TALK DIRTY TO ME III (1984) Ned Morehead


Vediamo un pò di ripescare qualcosa da un lontano passato, per cui non posso esimermi dal riproporre il mitico"Talk Dirty To Me III" (aka "La parte erotica di una calda moglie" insignito pure de l'AVN Awards nel 1985), che segue i due precedenti capitoli diretti rispettivamente dal grande Anthony Spinelli, ovvero il capostipite del 1980, e da Tim McDonald nel 1982, mantenendo il protagonista principale John Leslie nel ruolo di Jack  e diretto dal Ned Morehead di "Girls of the Night" e "Desperate Women".



Se tutti si ricordano di "Splash-Una Sirena a Manhattan" (1984) di Ron Howard con Tom Hanks e Daryl Hannah, in pochi si ricordano di questa pellicola che racconta praticamente la stessa storia ma con  Traci Lords nel ruolo della sirena e senza tutto il latte e miele versato dall'ex-roscio di "Happy Days", mostrando al pubblico ciò che realmente voleva vedere sullo schermo ma che non ha mai osato chiedere a Hollywood. L'arrapantissima sirenetta Traci finisce nella piscina di un campo nudista (guardacaso) e si innamora follemente dell'aitante Jack, solo che ci sono dei problemi di comunicazione, visto che tutto quello che la dolce fanciulla riesce a proferire è una sequela di "Fuck", "Dick", "Pussy", "Asshole" ad libitum, avendo come maestre delle vere reginette del ballo. Non tutte si divertono a insegnare le parolacce alla sirena, infatti una Ginger Lynn Allen da sturbo prende in simpatia la creatura tentando di spingerla nelle braccia di Jack, non disdegnando di scoparsi il promesso sposo Tom Byron, figlio del grande Jamie Gillis nel film.



Grandi sequenze hard come da copione , e visto il cast di super professionisti della Golden Age of Porn non poteva essere altrimenti, con il compianto John Leslie che subito si scatena con la biondina Rikki Blake (spiati da una nudissima Traci Lords che si dedica all'autoerotismo con i suoi inconfondibili urli a fare da colonna sonora) passando per una strepitosa performance pompinara da parte di Ginger Lynn Allen per poi ritornare alle prodezze di un Leslie in grande spolvero con una statuaria e di bianco vestita Amber Lynn, nel ruolo della Dottoressa Helen Spengler, veramente spettacolare, e se ci si mette pure il grandissimo Jamie Gillis con Susan Hart e Bunny Blue allora la sensazione di trovarsi in uno dei migliori prodotti hardistici del periodo si fa certezza.



E Traci Lords? Visione di ottundente bellezza, è nuda per tutto il film ma si concede a Leslie solamente nel gran finale con trasformazione in diretta e conseguente "squeeze play" e doggy da paura. Dopo il fatidico "cum shot", Traci fugge e si tuffa in acqua, chiedendo a Jack/Leslie di seguirlo. Il quale prontamente si butta. Lieto fine con le ragazze protagoniste che si scoprono tutte quante sirene. Si tratta pur sempre di una favola. Quando tutta la storia relativa alla minore età della Lords saltò fuori, il film fu pesantemente rimaneggiato; tutte le scene con la protagonista originale furono sostituite da sequenze con Lisa DeLeeuw nel ruolo della sirena (girate in video e non in 35mm come l'opera originaria) e la riedizióne rititolata come "The All New Talk Dirty To Me Part III" con Ginger Lynn Allen in copertina al posto della Lords. Comparsata della bella Laurie Smith come nudista e di Peter North. Sceneggia e produce lo specialista Jerry Ross con la Dreamland, già autore di "Kinky Business" e"Sister Dearest" con Traci. Che dire, consigliatissimo. Thanks, Ginger. Thanks, Traci. E sempre e comunque grazie Annette. VHS ex-noleggio della Preziosa Video e per l'import (ovviamente) cofanetto imperdibile della Alpha France, PAL, ratio 1.33:1, traccia inglese e francese, contenente pure "Breaking It" (1984) di Svetlana Marsh e "Sister Dearest" (1984) di Jonathan Ross. INTERPRETI: Traci Lords, John Leslie, Ginger Lynn Allen, Jaime Gillis, Tom Byron, Amber Lynn, Bunny Blue, Susan Hart, Colleen Brennan, Peter North, Laurie Smith, Lisa DeLeeuw (recut version).






2 commenti:

  1. Ho una curiosità: cosa ne pensi della carriera "post-porno" di Tracy Lords?
    Ho visto qualche cosa, tipo le sue partecipazioni alla serie "Profiler", ma non mi è sembrata certo degna di nota.
    Sarei curioso di sentire la tua opinione in proposito.

    RispondiElimina
  2. Uncle Nick, non posso pensarne che tutto il bene possibile. A parte tutta la controversa storia del periodo hard, ha cercato di proseguire la carriera in modo dignitoso e all'inizio venne pure rifiutata dalle agenzie d'attori. Fu Wynorski a scritturarla per "Not of This Earth". Ha fatto molte cose, alcune mediocri, altre mediocrissime, ma io apprezzo molto tutti i b-movies dei primi anni novanta, "Laser Moon", "Skinner", "Shock'em Dead" per non parlare di "Cry Baby", quindi sono molto di "parte". Poi è ovvio che mi piaccia per altri motivi, ahahah, ma è un'attrice che ho sempre seguito e continuo a seguire in tutto quello che fa, ad esempio l'ho trovata molto brava ed autoironica, il che non è proprio semplicissimo negli states quando si parla di porno e affini, in "Zack and Miri make a Porno" e pure in "Excision", che è un film che non amo moltissimo, però m'è garbata parecchio pure lì, molto invecchiata del resto. Ciao!!!

    RispondiElimina