sabato 7 marzo 2015

FAULTS (2014) Riley Stearns

Strano film questo "Faults". Dunque, Ansel Orth (un bravissimo e depresso Leland Orser) è uno specialista del "controllo mentale", nel senso che il suo lavoro consiste nel "deprogrammare" coloro che sono finiti nelle grinfie di sette, culti o fanatici vari. Non se la passa molto bene, deve essere successo qualcosa nella sua carriera per cui viene sbeffeggiato, insultato e pure pestato da chi assiste alle sue conferenze e anche a livello finanziario ci sono problemi, gravi problemi, visto che un omaccione (Lance Reddick from Lost) gli ricorda che deve restituire una ingente somma di denaro al suo ex-agente, Terry (Jon Gries from Lost).

Per far fronte alla situazione, Ansel decide di accettare l'offerta di una vecchia coppia. I due vogliono assumerlo per tentare di "deprogrammare" la figliola, Claire (Mary Elizabeth Winstead, molto brava) fuggita di casa e presunta vittima di una comunità religiosa autonominatasi "Faults", appunto. 

Fin qui tutto bene. La ragazza viene rapita da Ansel, aiutato da due scagnozzi, e trasportata in un motel, luogo in cui dovrà cominciare il trattamento. Però, c'è qualcosa che non va. La ragazza in lacrime non sembra poi così fragile. E indifesa. Da qui comincia "Faults", che parte come una black comedy per poi trasformarsi subdolamente in un horror bizzarro, financo cupo e senza speranza. Stearns, maritino della Winstead, non mostra nulla di particolarmente violento o disturbante, guarda chiaramente al cinema "demoniaco" dei seventies senza però cadere nella trappola del revival a tutti i costi e utilizza i mezzi limitati a disposizione per portare lo spettatore verso la risoluzione finale senza giocare in maniera smaccatamente scorretta o sputtanare il tutto con CGI da terzo mondo.

Niente male come esordio. A qualcuno potrebbe pure interessare. 
Con Mary Elizabeth Winstead, Leland Orser, Jon Gries, Lance Reddick,  Beth Grant.



7 commenti:

Eddy M. ha detto...

Bella segnalazione, grazie man!

Belushi ha detto...

Grande Eddy!!!!!!! Niente per cui strapparsi i capelli, ma un film dignitoso, dai. Grazie per la visita!!! A presto!

Caden Cotard ha detto...

Eccoti malandrino!

Un mese e mezzo fa, complimenti.
Sto film ti ha fatto tornare fuori dalle nebbie con una recensione, è importante anche solo per questo :)

concordo con tutto ovviamente
e grazie, mi hai fatto ricordare dove avevo visto l'attore nero, incredibile che non mi venisse in mente.
Nel "mio" Lost!
Con un personaggio praticamente poi!

"deprogrammare" è maledettamente perfetto

Caden Cotard ha detto...

AH, ti ho messo in blogroll, almeno la gente lo vede che sei pigro :)

ma vede anche quando non lo sei ;)

fai un pò te...

Belushi ha detto...

Grande. Grazie mille, sei molto gentile. Mi hai beccato subito, sono un cazzo di pigro che levati. Apprezzo molto, che te lo dico a fare. Ogni tanto fa bene tornare e riallacciare qualche contatto, già che ne ho perduti molti, per causa mia. Un grande saluto!!!!!!! Ciaoooooooo!!!!

Cinepillole Guida Antiflop ha detto...

anche a me è piaciuto sto film, passato in sordina anche dagli appassionati...

Belushi ha detto...

Cazzo, davvero. Non se l'è filato quasi nessuno, un peccato perchè non è niente male. Ne ho letto pochissimo in giro. Grazie della visita!!! Alla prossima!!!

Posta un commento