giovedì 1 agosto 2013

J.J CALE

Dopo Gandolfini e Dennis Farina, un altro colpo al cuore. Morto il mio idolo 
J.J Cale, un tipo al quale sia Clapton che Knopfler devono più di una bevuta. Rest in peace, my friend. Chiamate il dottore, se potete.












2 commenti:

  1. Davvero. E più bravo di entrambi.

    RispondiElimina
  2. Meno male. Thanks. L'ho sempre pensato pure io, senza nulla togliere ai due compari. Ma Cale, cazzo, che chitarrista. Alfiere di quella "swamp music" dall'andamento sonnacchioso ma che veramente ti si attaccava addosso. Lui e Tony Joe White. E poi, minchia, "Call the Doctor", che pezzo sulla tossicodipendenza.

    RispondiElimina